Leggiuno Murales del celebre quadro delle tre mani

Per tutta la settimana i leggiunesi sono stati con gli occhi rivolti verso l’alto, per osservare scrupolosamente la creazione del murales realizzato dal writers varesino Andrea Ravo Mattoni, che con la particolare tecnica delle bombolette spray ha realizzato su un muro di proprietà comunale il celebre “Quadro delle tre mani. Il dipinto è“chiamato in questo modo perché l’originale è stato realizzato da tre diversi artisti, ciascuno dei quali si occupò di dipingere una parte specifica della tela. I pittori che hanno realizzato il Martirio di Santa Rufina e Seconda (quadro delle tre mani) opera dipinta ad olio su tavola di dimensioni quadrate di due metri circa furono Giulio Cesare Procaccini, Pier Francesco Mazzucchelli detto il Morazzone nato proprio nell’omonimo Comune nel 1573, ed è stato un eccellente pittore varesino e Giovanni Battista Crespi detto il Cerano. Il dipinto fu realizzato fra il 1622 ed il 1625 ed è tuttora conservato presso la Pinacoteca di belle a Brera Arti di Brera Il nostro territorio commenta il primo cittadino Giovanni Parmigiani, può vantarsi di avere un murales di grande valore artistico, in quanto l’autore Andrea Mattoni Ravo è molto apprezzato sia in Italia che in Europa per le sue qualità artistiche. Infatti è venuto a Leggiuno dopo aver concluso un importante lavoro per il Louvre. Il Sindaco precisa inoltre che la scelta di questo murales è proprio per rendere omaggio al pittore varesino di Morazzone. Questo fa parte di un ambizioso progetto utopico di Mattoni di realizzare una pinacoteca a cielo aperto ovvero il museo più grande del mondo. Il Murales non è costato nulla alle casse comunali, ma è frutto di donazioni fatte da privati e da sponsor di cui il capofila è stato il leggiunese Andrea Maurin. Il passo successivo che l’amministrazione locale farà appena le finanze lo consentiranno sarà lo studio di una illuminazione a led del dipinto per valorizzarlo meglio e farlo vedere anche nelle ore notturne e una targa per ringraziare coloro che hanno contribuito a realizzare questa straordinaria opera d’arte, realizzata le bombolette spray dove i colori sono stati rispettati fedelmente come il dipinto originale.

Claudio Ferretti

0 votes
on

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*

Solve : *
6 × 26 =


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi