La floriterapia, un modo gentile per prenderci cura della nostra salute

Oggi trattiamo il tema della floriterapia, un metodo di cura gentile ed estremamente efficace in tema di salute e benessere, sempre più diffuso ma a volte poco conosciuto. Entriamo direttamente nel vivo con un’intervista a Ilenia Frittoli, floriterapeuta che opera a Varese. Ascoltiamo le sue parole.
1) Ciao Ilenia, parlaci di te: chi sei, cosa fai, come lavori
Sono naturopata in formazione presso la scuola Italiana di medicina Olistica di Milano e Floriterapeuta Psicodinamica in costante aggiornamento sulla materia. Amo lo studio, amo la conoscenza dell’anima umana e  mi definisco una studiosa dell’anima.
C’è un forte collegamento tra mente, corpo e spirito: l’uomo è un’unità. I disagi che si vengono a manifestare sul piano fisico ci segnalano che è presente una disarmonia psicologica, da riconoscere, percepire e risolvere: l’anima, attraverso il disagio e la malattia, cerca di farsi in qualche modo sentire.
Platone, in una delle sue opere, scrisse che il male e il bene irrompono nell’uomo dall’anima, dalla quale tutto proviene.
2) Qual è il tuo obiettivo nel campo della salute e del benessere?
Attualmente posso dire che il mio obiettivo è quello di far conoscere e far capire in modo chiaro che cos’è la floriterapia, come si utilizza e in che modo agisce sul nostro corpo,
Io la utilizzo quotidianamente con risultati eccezionali, a volte sorprendenti. Sto lavorando con molti bambini ed è bellissimo vedere come le essenze floreali entrino in risonanza con il loro campo energetico in maniera quasi imminente: i bimbi sono anime pure, prive di condizionamenti esterni, quindi si lasciano immediatamente guidare dalle vibrazioni positive del fiore in questione.
Purtroppo trovo che ci sia moltissima confusione legata a questo metodo terapeutico: a causa della non regolamentazione, molte persone consigliano essenze floreali senza avere una base di studio appropriata alle spalle, e senza aver vissuto in prima persona quella tappa fondamentale e necessaria di crescita personale, indispensabile per poter aiutare e guarire le altre persone.
E’ fondamentale lavorare prima di tutto su se stessi, dopo di che si potrà lavorare sugli altri individui.
Molte persone vengono consigliate male! Io lo scrivo spesso sulla mia pagina facebook o sul mio Blog. A motivo di questo, purtroppo, la credibilità d’efficacia di questa terapia viene persa.
Le essenze floreali sono strumenti di guarigione a dir poco ottimi: se ben utilizzati, apportano benefici sia sul piano fisico che  su quello psicologico e aiutano la persona a ritrovare il contatto vero con la propria parte interiore, la aiutano nel fondamentale processo d’evoluzione e crescita personale che tutti gli individui sono chiamati a compiere nel corso della vita.
3) Com’è la tua giornata lavorativa?
La mia giornata lavorativa si sviluppa in base alle consulenze che effettuo con le persone, attualmente utilizzando Skype e webcam, e devo dire che grazie a questo metodo riesco ad aiutare persone provenienti da tutte le parti d’Italia.
Inoltre, amo scrivere, quindi quotidianamente pubblico articoli riguardati la floriterapia, riguardanti la lettura psicosomatica delle malattie, e dò consigli sull’utilizzo corretto delle erbe e dei rimedi naturali e sull’alimentazione, altro argomento che mi sta molto cuore.
4) Qual è il tuo concetto di salute e benessere?
La salute per me non è intesa come assenza di sintomi fisici, quindi assenza di dolori, ma come un equilibrio costante, in sintonia con la mia essenza interiore.
La malattia arriva per spezzare gli equilibri statici della persona, arriva per indicare che qualcosa non va, che qualcosa non è in armonia con l’universo, ed è per questo che non è un bene sedare subito un sintomo con i farmaci, ma occorre imparare ad ascoltarli, a leggere il loro messaggio.
Grazie alla lettura simbolica che la medicina Psicosomatica ci permette di fare, possiamo interpretare in maniera corretta quali sono i comportamenti distorti e le emozioni vissute in maniera negativa, che ci hanno portato a sviluppare il disturbo, e quindi correggerle ad esempio utilizzando la floriterapia.
I disagi sono delle chiavi d’accesso, che ci permettono di intraprendere un percorso evolutivo di crescita personale, dobbiamo solo imparare ad ascoltarli.
5) Se qualcuno volesse contattarti per consulenze, come potrebbe fare?
Per contattarmi personalmente potete trovare tutti gli indirizzi nella mia pagina facebook “Fiori di Bach e rimedi naturali di Frittoli Ilenia” oppure dal mio Blog www.fioridibach.biz
Inoltre, collaboro attivamente con i siti www.cure-naturali.it e www.crescita-personale.it
Ringrazio Irene per avermi concesso questa intervista e porgo un caro saluto a tutti voi.
Grazie a te Ilenia e buon lavoro!
Irene Ferri
ireneferri@fastwebnet.it
0 votes
on
Subscribe to Comments RSS Feed in this post

One Response

  1. Ho trovato questo articolo molto interessante, condivido il pensiero di Ilenia e il suo metodo di lavoro.
    Essendo nel campo da anni mi ritrovo totalmente nei suoi metodi ottenendo riscontri positivi con le persone che si affidano alla floriterapia. Sicuramente un metodo sconosciuto a molti ma che può portare a risultati sorprendenti.
    Complimenti!
    Alex

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*

*

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi