Gemonio paese dei presepi

Sono molti in paese i volontari con la cultura dei presepi. La locale pro loco attira molti creativi, ad allestire suggestivi scenografie natalizie. La natività realizzata per questa edizione natalizia sarà visitabile sino al 14 febbraio ed il tema scelto dagli organizzatori è un versetto del Vangelo di San Giovani “ Io sono la verità e la vita.” Molto interessante i numerosi visitatori hanno trovato il presepe meccanico con statuine in movimento realizzato dai volontari del rione Mirabella , allestito nel cortile del palazzo comunale. I numerosi visitatori ed appassionati che come ogni anno vengono sempre più numerosi ad affollare le caratteristiche vie del bellissimi rioni sono rimasti anche stavolta molto soddisfati nel vedere gli il presepe del rione Martitt ,e la natività allestita in piazza Vittorio nel giardinetto adiacente alla chiesa parrocchiale. Oltre a queste belle scenografie, vi è poi quella realizzata nella splendida chiesetta di San Pietro , dove ogni anno viene proposto un tema nuovo su indicazione del parroco Don Silvio Bernasconi , poi gli” Amici di San Pietro” si mettono all’ opera ingegnandosi per creare ogni anno qualcosa di diverso. La grande generosità dei gemoniesi e del gruppo alpini, e stata di combinare una delegazione di penne nere , guidata dal capogruppo Doride Sandri e di recarsi durante le festività natalizie a Gualdo Tadino, un paese in provincia di Macerata colpita gravemente dal terremoto e regalare il presepe realizzato l’ anno scorso che ha avuto molto successo artistico di alto spessore sia tecnico che architettonico di grande valore. L’ anno scorso lo scultore Matthews Brussard ha scolpito due gigantesche mani, che sormontavano la natività. Il filo conduttore che tutti i generosi organizzatori hanno trovato è la figura di Gesù simboleggiato dalle gigantesche mani, portate e collocate dagli alpini a Gualdo Tadino la venuta di Gesù Bambino. Come simbolo di rinascita. Ma anche le mani poderose come voglia di ricattarsi e tornare nelle proprie case ,e alla normalità . Molto contenti i cittadini della cittadina marchigiana, che per loro questa opera sarà sempre un grande simbolo di unione tra Gualdo Tadino e Gemonio e la Valcuvia. Gli alpini gemoniesi hanno anche potuto ammirare la struttura polivalente fatta arrivare su impegno del Sindaco di Brenta Gianpietro Ballardin tuutora in funzione . I vari moduli prefabbricati sono serviti per le esigenze del momento e per creare un centro aggregativo per i cittadini colpiti dal terribile sisma.

Claudio Ferretti

1 vote
on

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*

Solve : *
25 + 26 =


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi